Il nutrizionista è un biologo abilitato alla professione ed iscritto all’Ordine Nazionale dei Biologi.


In un panorama in cui il dilagare sulla stampa periodica, su internet e sulla tv di consigli alimentari, di diete propriamente dette, della vendita di prodotti dietetici, il tutto redatto preparato ed organizzato da chi probabilmente non ha alcuna competenza in materia, il biologo è l’unico professionista a favore del quale esistono precise norme di rango legislativo che riconoscono la sua competenza per la “valutazione dei bisogni nutritivi ed energetici dell’uomo” ed a prescrivere conseguentemente le opportune diete (art. 3 della legge 396/67).


Come emerso anche in occasione della recente Conferenza Nazionale FAO sull’Alimentazione e supporto nutrizionale svoltasi a Roma il 4 settembre 2009 il ruolo del Biologo Nutrizionista dovrebbe essere quello di dare all’utenza:


- una coscienza alimentare

- un supporto nutrizionale adeguato per ritrovare l’omeostasi metabolica


Ciò non significa soltanto dimagrire, ma raggiungere un’armonia con il cibo, che permette di gestire al meglio le proprie attività. Perché una sana alimentazione significa stile di vita più salutare.

Ecco il motivo per cui, per l’espressione della professionalità della figura è necessario e indispensabile il rapporto diretto con l’utente (non attraverso sistemi a distanza).

E’ corretto sottolineare che pur potendo svolgere la professione in totale autonomia esulano dalla competenza del biologo nutrizionista la diagnosi di un eventuale stato patologico, la prescrizione di farmaci e le richieste di analisi per le quali si può avvalere dell’ausilio del medico o dello specialista.

Specializzazioni, Master e corsi di formazione professionali sono comunque titoli culturali e formativi che consentono di svolgere con più competenza la professione.


Il 6 dicembre 2011 l’Ordine Nazionale dei Biologi ha finalmente preso posizione nei confronti dei colleghi che pubblicizzano la propria attività proponendo sconti su siti specializzati come “Groupon”, “Groupalia” e simili; sul sito dell’ordine in merito si legge:

“...L’utente deve essere tutelato nella scelta del professionista basandosi sulle sue peculiarità professionali e deontologiche...

...Essere presente su un sito dove la pubblicità sanitaria viene accompagnata da sconti sulle prestazioni di laboratorio o di profili nutrizionali è eticamente scorretto. Pubblicizzare prestazioni a basso costo è una concorrenza sleale nei confronti dei colleghi...

...Vengono anche pubblicizzati profili nutrizionali a tariffe. Una pratica che fa impallidire chi si occupa del benessere degli esseri umani...

...Quella del biologo è una attività intellettuale frutto di studio e di formazione con responsabilità civili e penali. Non può essere svenduta o paragonata ad una semplice proposizione di vendita di merce da mercato rionale...

...Come Ordine ribadiamo che il biologo è un professionista preparato, formato e che opera seguendo elevati standard qualitativi. Continueremo su questo percorso e attiveremo la Commissione di disciplina per tutti i professionisti che agiranno in concorrenza sleale e con comportamenti che si distaccano dall’etica professionale”.

E’ superflua ogni altra considerazione.






| dott. francesco trapani | socio ADI Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica | p. IVA 05850050823
Inviami un e-mail

il ruolo del biologo